This content is available in English

Austria: la plenaria dei vescovi si svolge in Bosnia-Erzegovina. “Sfide per Chiesa e società nei due Paesi”

Sarà una “première” per la storia della Conferenza episcopale austriaca che i lavori della sua assemblea plenaria si svolgano in Bosnia ed Erzegovina. Ciò avverrà a partire da domenica 4 marzo, quando l’assemblea sarà aperta con una celebrazione nella cattedrale di Sarajevo, mentre lunedì i vescovi austriaci insieme a quelli della Bosnia-Erzegovina si concentreranno sulle “sfide della Chiesa e della società in entrambi i Paesi”. Secondo il programma, che il segretario generale della Conferenza episcopale, Peter Schipka, ha illustrato all’agenzia stampa Kathpress, altri temi all’ordine del giorno dell’Assemblea plenaria sono il Sinodo dei giovani, a cui è stato delegato il vescovo Stephan Turnovszky, la “collaborazione tra le Conferenze episcopali di lingua tedesca nella pubblicazione di testi liturgici”. Nel programma figurano anche “incontri ad alto livello con le autorità politiche e religiose”: è previsto che il card. Schönborn insieme a una delegazione di vescovi incontri la presidenza della Bosnia-Erzegovina. Ci sarà anche un colloquio con l’Alto rappresentante in Bosnia-Erzegovina, Valentin Inzko, e una visita alla sede delle truppe Eufor nonché alle chiese e alle istituzioni caritative. I vescovi saranno ospiti dell’arcivescovo di Sarajevo, il cardinale Vinko Puljic e le riunioni si svolgeranno nel seminario. Al termine della Plenaria si svolgerà una conferenza stampa con i cardinali Schönborn e Puljic.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia