This content is available in English

Islam in Europa: incontro Ccee a Scutari. Card. Tauran, “guardare islam e musulmani al di là di stereotipi e pregiudizi”

(da Scutari) “Guardare l’islam e i musulmani al di là degli stereotipi, nonché dei pregiudizi, dell’immagine sbagliata ad opera di alcuni mezzi di comunicazione, come del comportamento fanatico e violento di una minoranza di musulmani”. È quanto sottolinea il cardinale Jean-Louis Tauran, presidente del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso, in un messaggio inviato ai partecipanti all’incontro dei delegati nazionali delle Conferenze episcopali europee per il dialogo con l’islam che, su iniziativa del Ccee, si è aperto oggi pomeriggio a Scutari (Albania). Nel messaggio letto da mons. Khaled Akasheh, capo dell’ufficio per l’islam del dicastero vaticano, il cardinale ribadisce come “una posizione chiara da parte delle autorità religiose musulmane nonché da ogni singolo musulmano circa la questione della violenza connessa in nome della religione è necessaria per scongiurare una ingiusta equiparazione tra islam e violenza. Nell’islam ci sono infatti risorse religiose morali e spirituali, numerose delle quali condivise da cristiani ed ebrei”.
“Cristiani e musulmani – ha quindi aggiunto il cardinale Tauran – dobbiamo promuovere il rispetto reciproco, l’obiettività nel parlare e nello scrivere sull’altra religione, la benevolenza, la compassione e la misericordia così centrale nella tradizione islamica e per altro tanto cara a papa Francesco”. Inoltre, “è necessario un nuovo sforzo da ambedue le parti per scongiurare il ‘discorso dell’odio’ che è all’origine di sospetti reciproci, discriminazioni, esclusione, marginalizzazione e risentimenti”. Il messaggio si conclude con un pensiero di gratitudine per l’Albania, Paese – scrive Tauran – che “potrebbe essere citato come un esempio di rapporti rispettosi e fruttuosi tra cristiani, musulmani sunniti come pure bektashi. La persecuzione religiosa sofferta da tutti i credenti di questo Paese sotto il regime ateo ha accomunato e avvicinato tutti”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo