Spreco alimentare: Coldiretti, un decalogo per prevenirlo facendo una spesa intelligente e riutilizzando gli avanzi

Fare la lista della spesa, leggere attentamente la scadenza sulle etichette, verificare quotidianamente il frigorifero dove i cibi vanno correttamente posizionati, effettuare acquisti ridotti e ripetuti nel tempo, privilegiare confezioni adeguate, scegliere frutta e verdura con il giusto grado di maturazione, preferire la spesa a km 0 e di stagione che garantisce una maggiore freschezza e durata, riscoprire le ricette degli avanzi, dalle marmellate di frutta alle polpette fino al pane grattugiato, ma anche non avere timore di chiedere la doggy bag al ristorante sono alcuni dei consigli elaborati dalla Fondazione Campagna amica della Coldiretti per la giornata nazionale di prevenzione dello spreco che si celebra oggi 5 febbraio. Secondo l’indagine Coldiretti/Ixe’ quasi tre italiani su quattro (71%) hanno diminuito o annullato gli sprechi alimentari nell’ultimo anno mentre il 22% li ha mantenuti costanti ma c’è anche un 7% che dichiara di averli aumentati. Lo spreco di cibo nelle case degli italiani ammonta ancora a circa 145 kg all’anno per famiglia secondo Waste Watcher. Siamo pero’ di fronte ad una svolta favorita dalla legge 166/16.  Intanto sulle tavole degli italiani sono tornati i piatti del giorno dopo come polpette, frittate, pizze farcite, ratatouille e macedonia. Ecco il decalogo di Campagna amica: fai la lista della spesa, procedi con acquisti ridotti e ripetuti nel tempo; preferisci le produzioni locali e compra nei mercati a km 0; controlla sempre l’etichetta; prendi la frutta con il giusto grado di maturazione; chiedi la family bag al ristorante per consumare a casa gli avanzi; acquista seguendo la stagionalità dei prodotti; non tenere insieme i cibi che consumi in tempi diversi; separa le diverse varietà di frutta e verdura; cucina con gli avanzi ricette antispreco,

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia