MigrAdvisor: Berbena (ambasciata Usa), “può aiutare i migranti nel processo di intergrazione”

“L’ambasciata ha collaborato in passato con altre associazioni per promuovere politiche di accoglienza degli immigrati. Con lo stesso spirito sosteniamo MigrAdvisor perché può aiutare a sviluppare un positivo processo di integrazione”. Lo ha detto Gloria Berbena, ministro consigliere per gli Affari pubblici dell’ambasciata degli Stati Uniti in Italia, presentando, questo pomeriggio, a Roma, l’app per smartphone “MigrAdvisor”, realizzata dalla Caritas in collaborazione con l’ambasciata americana. “Gli Stati Uniti hanno una grande consapevolezza dell’importanza dell’integrazione, dell’apertura alla diversità che ha contribuito allo sviluppo del Paese – ha aggiunto Berbena -. Quasi tutti gli americani vengono da altri posti”. Da questa consapevolezza, la disponibilità a collaborare alla realizzazione del progetto di “MigrAdvisor”, un “lavoro di speranza e di inclusione”. “L’app consente di avere accesso ai servizi pubblici, è uno strumento digitale che sostiene i fini caritativi”. Rappresenta “la risposta della tecnologia a una esigenza umanitaria, inserendosi nel processo di modernizzazione della società di cui gli Usa sono protagonisti”. Infine, Berbena ha delineato le dinamiche che “MigrAdvisor” si propone di realizzare. “Si vuole costruire un ponte tra migranti e Paesi ospitanti in modo da immetterli nei canali regolari di accoglienza, agevolando l’integrazione e sottraendoli al malaffare”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia