This content is available in English

Anglicani: don O’Toole (Conf. ep. Inghilterra e Galles), progresso del dialogo con i metodisti “potrebbe condurci verso un dialogo a tre”

Il progresso del dialogo tra anglicani e metodisti, che potrebbe fare un altro importante passo avanti, al Sinodo generale della Chiesa d’Inghilterra, questa settimana, “potrebbe condurci verso un dialogo a tre, con una commissione che coinvolga cattolici, anglicani e metodisti e non soltanto due di queste Chiese alla volta come avviene in questo momento”. Don John O’Toole, portavoce per l’ecumenismo della Conferenza episcopale di Inghilterra e Galles, spera che “la discussione, dentro l’organo che controlla la Chiesa di Stato inglese, non sia soltanto sulla possibilità di un compromesso, con sacrifici reciproci, ma anche su come possiamo arricchirci con uno scambio di doni”. “Per esempio i metodisti possono offrire agli anglicani, e anche ai cattolici, la tradizione di prendere ogni decisione a livello di un’assemblea mentre nella Chiesa cattolica, e anche nella Comunione anglicana, un ruolo chiave tocca ai vescovi”, spiega don O’Toole. Per l’arcivescovo Kevin McDonald, responsabile del settore dialogo interreligioso per la Conferenza episcopale di Inghilterra e Galles e già segretario della Commissione per il dialogo tra metodisti e cattolici, “se l’accordo comportasse un periodo di transizione, durante il quale i Sacramenti verrebbero amministrati senza i vescovi, questo rappresenterebbe un problema per la Chiesa cattolica”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia