Arte e disabilità: Stazione Centrale Milano, inaugurata oggi mostra “#Abilioltre…inViaggio”

Il Gruppo Fs e l’associazione no profit Abili Oltre insieme per promuovere la mostra itinerante #Abilioltre…inViaggio, inaugurata oggi, in occasione della Giornata mondiale della giustizia sociale, nella Sala Reale della Stazione di Milano Centrale, gestita da Gs Rail. L’esposizione è liberamente visitabile nell’atrio principale della stazione da oggi al 22 febbraio ed è costituita da 12 progetti grafici in tecnica Street Art, realizzati da ragazzi con disabilità e non, all’interno di laboratori artistici integrati. Le opere, allestite su pannelli di grande formato, si ispirano a 12 personaggi famosi con disabilità che hanno eccelso e raggiunto importanti riconoscimenti in vari campi, dallo sport all’arte, dalla scienza alla tecnologia, dalla musica al teatro.
Abili Oltre è una smart community impegnata a costruire modelli lavorativi inclusivi orientati ad armonizzare le differenti capacità produttive degli individui e favorire l’espressione delle loro potenzialità, coniugandole alle esigenze gestionali delle imprese. “Abili Oltre lavora perché ogni abilità abbia la possibilità di esprimersi e così facendo garantisca a tutti i cittadini – siano deboli o forti, siano primi o ultimi – il primo dei valori umani e sociali: la dignità della persona e del suo lavoro. Le opere grafiche che esponiamo sono e vogliono essere il manifesto della possibilità di integrazione tra le diverse abilità”, afferma Marino D’Angelo, presidente dell’associazione no profit Abili Oltre. “La partnership con Ferrovie dello Stato che permette di esporre queste opere nelle più importanti stazioni italiane è un segnale di vicinanza al mondo dei disabili, troppo spesso relegato ai margini. È in questo senso significativo che la mostra itinerante parta in occasione della Giornata mondiale della giustizia sociale e proprio in prossimità del binario 21 della Stazione Centrale di Milano. Un messaggio simbolico della volontà di abbattere il muro del nuovo ghetto moderno fatto di indifferenza e iniquità sociale. Le stazioni diventano così, ancor di più, una piazza utile a riflettere sull’apporto positivo, in termini di intelligenze, proposte, sensibilità, che le persone con disabilità possono dare per la crescita, civile e culturale del Paese. Siamo certi che queste opere sapranno cogliere l’attenzione del grande pubblico di utenti delle stazioni ferroviarie e confidiamo possano favorire la presa di coscienza collettiva sui temi della diversità come valore».
L’esposizione proseguirà in altre stazioni: dal 26 al 28 febbraio Torino Porta Susa; dal 20 al 22 marzo Roma Ostiense in occasione della Giornata mondiale del servizio sociale; dal 10 al 12 aprile Reggio Calabria Centrale; dall’8 al 10 maggio Napoli Mergellina.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa