Commissione Ue: i social rispettino i cittadini europei. Jourová, in aprile un “New deal per i consumatori”

La commissaria Ue Vera Jourová

(Bruxelles) “Oggi sono state pubblicate le modifiche apportate da Facebook, Twitter e Google+ per allineare le rispettive clausole contrattuali alle norme dell’Ue a tutela dei consumatori. Queste modifiche andranno a beneficio di oltre 250 milioni di consumatori europei che utilizzano i social media: i consumatori non saranno costretti a rinunciare ai diritti inderogabili che l’Ue riconosce loro, come il diritto di recedere da un acquisto online; potranno presentare reclamo in Europa anziché in California; e le piattaforme si assumeranno le loro responsabilità verso i consumatori, analogamente ai prestatori di servizi offline. Tuttavia, le modifiche soddisfano solo in parte i requisiti della normativa Ue in materia di consumatori”. Sulla materia interviene la Commissione europea: “Le società di social media devono fare di più per ottemperare alle richieste presentate lo scorso marzo dalla Commissione dalle autorità nazionali di tutela dei consumatori per garantire il rispetto delle norme Ue a tutela dei consumatori”. E Vera Jourová, commissaria per i consumatori, dichiara: “Poiché sono usate come piattaforme pubblicitarie e commerciali, le reti di social media devono osservare pienamente le norme a tutela dei consumatori. Mi compiaccio che l’azione intrapresa dalle autorità nazionali per far rispettare tali norme stia dando i suoi frutti e che alcune società stiano rendendo le loro piattaforme più sicure; è tuttavia inaccettabile che questo processo non si sia ancora concluso e richieda così tanto tempo. Ciò conferma la necessità di un ‘New deal per i consumatori’”, che la Commissione presenterà in aprile.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia