Avvenire: la prima pagina di domani 16 febbraio. Strage a scuola negli Usa, salute e uso di ogm, corridoi umanitari

“Avvenire” dedica il suo titolo principale alla strage a scuola negli Stati Uniti e alla pericolosa tentazione di riarmarsi. L’editoriale è di Danilo Paolini, capo della redazione romana: “In un tempo di grandi incertezze, diffuse paure e strisciante rancore sociale, bisognerebbe fare davvero molta attenzione a stuzzicare gli istinti pistoleri di una parte della popolazione italiana. Soprattutto perché, la cronaca ce lo insegna e la scellerata ‘rappresaglia’ di Macerata è soltanto l’ultimo e più clamoroso caso, troppe persone considerano ormai l’aggressione fisica, a mani nude o a mano armata, un’opzione come le altre per la soluzione di problemi piccoli e grandi. Si va dalla lite condominiale al tradimento amoroso, dalla contestazione di un rimprovero rivolto a un ragazzo da un insegnante alla ‘pulizia etnica’ delle periferie contro immigrati o rom, fino alle botte date ai giornalisti che ‘non si fanno i fatti loro'”. La fotocronaca è per la ricerca italiana che sembra indicare come vi sia assenza di rischi per la salute nell’uso di ogm, in particolare di mais, studiato per ben 21 anni. Il titolo di taglio va alla politica, con un sondaggio dell’Istituto Toniolo sull’orientamento dei giovani: prevale l’indecisione, ma una parte guarda con interesse al Movimento 5 Stelle. Richiami per i corridoi umanitari promossi dalla Conferenza episcopale e dal governo, con i 150 arrivati dalla Libia già assistiti e curati; per la condanna del ginocologo Antinori, accusato di furto di ovociti; e per il colloquio del Papa con i gesuiti cileni, in cui ha rivelato di incontrare spesso vittime degli abusi sessuali. Tra i “temi di Avvenire”, una riflessione della segretaria Cisl Furlan, un intervento dell’arcivescovo di Pescara Valentinetti nel dibattito sul debito pubblico, e un commento di Francesco Gesualdi sull’agricoltura africana e la Francia.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia