Diocesi: mons. Cantoni (Como) alle coppie “irregolari”, “non perdete la speranza e la gioia dell’amore”

“Il pregio del testo che presentiamo è quello di proporre un cammino pedagogico di discernimento pastorale per indicare le vie attraverso le quali giungere a una riconciliazione piena con Dio nella Chiesa in modo che, a certe condizioni, anche i fedeli che vivono situazioni difficili possano cibarsi del Corpo di Cristo perché, come ha sottolineato più volte Papa Francesco, l’ Eucarestia non è dono per i perfetti ma sostegno per i deboli”. Sono queste le parole con cui il vescovo di Como, mons. Oscar Cantoni, ha presentato oggi, mercoledì delle Ceneri, la nota pastorale per l’attuazione del capitolo VIII di “Amoris laetitia” dal titolo “Accompagnare, discernere e integrare le fragilità”. Il documento, ha sottolineato il vescovo, “è frutto di una Chiesa sinodale, di una Chiesa che si è posta in ricerca consultando da una parte gli esperti a livello etico, teologico e pastorale, ma cercando il vissuto della nostra gente e, soprattutto, il confronto con i pastori che hanno a che fare con le coppie ferite”. Da questo lavoro, durato un anno e mezzo, è nata questa nota che viene ora presentata alla diocesi. Il documento contiene i passi per il discernimento personale e comunitario delle coppie che vivono situazioni “dette irregolari” come quelle dei divorziati risposati e il loro accesso ai sacramenti tra cui la Comunione eucaristica. “Vogliamo essere una Chiesa – ha proseguito mons. Cantoni – che riconosce la bellezza del matrimonio e della famiglia, anche di quelle lacerate e problematiche. Il nostro compito non è solo mostrare la credibilità della dottrina ma aiutare il cristiano a vivere l’ideale partendo dalle sue situazioni concrete, aiutando a guarire le ferite dell’umano”. Infine, rivolgendosi ai fedeli che vivono situazioni di fragilità e di irregolarità mons. Cantoni ha chiesto loro di non “perdere la speranza e soprattutto la gioia dell’amore”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo