Diocesi: mons. Nosiglia (Torino), “promuovere azioni di cambiamento che favoriscano la piena espressione della dignità del lavoro”

“Sappiamo bene come la questione del lavoro oggi sia centrale, sia per lo sviluppo della persona umana sia per la crescita economica e sociale di una comunità”. Lo ha detto l’arcivescovo di Torino, mons. Cesare Nosiglia, intervenuto questa mattina al seminario “avviare nuovi processi di evangelizzazione per il mondo del lavoro” in memoria di don Gianni Fornero, prete-operaio. “L’impegno ecclesiale per l’evangelizzazione nel sociale – ha aggiunto il presule – oggi si scontra con le difficoltà crescenti per una fetta di popolazione importante, specie quella giovanile, nel trovare un’occupazione dignitosa”. Da qui l’invito a seguire l’esempio nella “nostra Chiesa locale” di “sacerdoti e laici capaci di testimoniare la propria fede nell’ambito sindacale, imprenditoriale e dell’associazionismo impegnato nel mondo del lavoro”. “Dobbiamo adoperarci per stare dentro a un mondo del lavoro che oggi è soggetto a tante sfide, tra cui la quarta rivoluzione industriale, i tanti giovani che fanno fatica ad entrarci, i tanti imprenditori che lottano quotidianamente per poter portare avanti i propri progetti”. L’arcivescovo ha poi indicato “il compito primario”, che, “oggi come ieri, rimane quello dell’evangelizzazione: occorre stare dentro le situazioni, comprenderle in fondo alla luce del Vangelo e della dottrina sociale della Chiesa e promuovere azioni di cambiamento che favoriscano la piena espressione della dignità del lavoro”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia