Diocesi: Firenze, la Madonna di san Giorgio alla Costa di Giotto esposta al Museo dell’Opera del duomo

A distanza di 25 anni dall’attentato di via dei Georgofili, che l’aveva danneggiata, la Madonna di san Giorgio alla Costa di Giotto (tempera e oro su tavola) è arrivata questa mattina al Museo dell’Opera del duomo, a Firenze, dove resterà esposta. Il dipinto, sul quale sono ancora visibili le lesioni causate da una scheggia nella veste dell’angelo, giunge in prestito temporaneo dal museo diocesano di Santo Stefano al Ponte, chiuso al pubblico. Stamani la presentazione al museo del duomo alla presenza dell’arcivescovo, card. Giuseppe Betori, del presidente dell’Opera di Santa Maria del Fiore, Luca Bagnoli e del direttore del museo, Timothy Verdon. Per rendere fruibile questo capolavoro, l’arcivescovo ha chiesto all’Opera di Santa Maria del Fiore la disponibilità a ospitare la tavola nel museo dell’Opera del duomo, visitato annualmente da 750 mila persone provenienti da tutto il mondo. “L’immagine di Maria e del Bambino che Giotto propone in questa tavola potrà essere messa in dialogo con le forme della scultura di Arnolfo di Cambio e degli altri artisti che hanno lasciato traccia del loro genio nella nostra cattedrale – ha affermato il card. Betori –. Ne trarrà beneficio, non da ultimo, anche la fede, chiamata a confrontarsi con le espressioni che essa generò nella cultura dei secoli antichi, continuando a interrogarci su come essa possa parlare anche all’uomo di oggi e di sempre”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia