Diocesi: Andria, il 13 febbraio sarà inaugurata una casa per padri separati e giovani soli

Una casa per padri separati e giovani soli e isolati, che finiscono per strada, senza un tetto o un posto in cui dormire, dedicata a don Tonino Bello e gestita dalla comunità “Migrantesliberi”. Sarà inaugurata martedì 13 febbraio, alle 18, ad Andria, alla presenza del vescovo, mons. Luigi Mansi, che benedirà la struttura. Un’iniziativa che nasce “dall’insorgenza di una nuova necessità sociale: lo stato di difficoltà e abbandono di uomini separati e di tanti giovani”, si legge in una nota. L’obiettivo sarà quello di “offrire percorsi umano-spirituali, con figure professionali per un reinserimento sociale, per il miglioramento della propria esistenza e per promuovere il rispetto delle regole per la comune e civile convivenza”. La casa è stata intitolata a don Tonino Bello, in occasione del 25° anniversario della sua morte. “Sicuramente questa iniziativa non sarà la soluzione al problema complessivo del disagio che in tanti versano – si continua a leggere nella nota -, ma sicuramente è un segno di prossimità, che si distingue dalla crescente indifferenza sociale di questo tempo. Anche perché diverse sono le altre case famiglia della Comunità “Migrantesliberi” dislocate sul nostro territorio per uomini, donne e giovani”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia