Diocesi: Carpi, riportata in cattedrale la statua dell’Assunta. Mons. Gallagher, “presenza materna, discreta ma tanto sentita”

(Carpi) “È per me una particolare gioia poter celebrare assieme a voi questa Messa nella solennità dell’Immacolata Concezione di Maria, nel contesto di un evento decisamente ‘mariano’ che si realizza, proprio oggi. Non a caso è stata scelta questa giornata significativa per riportare solennemente la statua della Vergine Assunta, in questa cattedrale a Lei dedicata, proprio per il legame che lega il mistero dell’Immacolata a quello dell’Assunzione”. Così mons. Paul Richard Gallagher, segretario vaticano per i Rapporti con gli Stati, si è rivolto ai fedeli che oggi pomeriggio hanno gremito la cattedrale di Carpi durante la celebrazione eucaristica per il ritorno della statua dell’Assunta nel duomo dopo sei anni dal sisma. “Il ritorno della statua lignea dell’Assunta nella sua ‘casa’ – ha proseguito mons. Gallagher – rappresenta la conclusione dell’impegnativa opera di restauro di questa basilica cattedrale, dopo il devastante terremoto del maggio 2012”. “Mi congratulo con il vescovo Francesco Cavina e con voi per l’affetto che vi unisce alla Madonna Assunta – ha aggiunto -, la cui storia è intimamente legata alla storia religiosa e civile della vostra città, oltre che a quella della cattedrale. È una presenza materna, discreta ma tanto sentita, che da ben cinque secoli accompagna la vita di voi carpigiani. Maria ha sempre vegliato su di voi e ha protetto il vostro territorio. Siete privilegiati ad appartenere a un popolo che sente vivamente sua l’identità mariana”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori