Diocesi: Carpi, riportata in cattedrale la statua dell’Assunta dopo il restauro

(Carpi) La statua della Assunta, che si venera nella cattedrale di Carpi da oltre cinquecento anni, è ritornata nel duomo. La solenne celebrazione eucaristica si è svolta ieri pomeriggio. A presiederla, mons. Paul Richard Gallagher, segretario vaticano per i Rapporti con gli Stati, con il vescovo di Carpi, mons. Francesco Cavina. Sono state 7.000 le persone che da settembre hanno fatto visita, al Palazzo vescovile, alla statua dell’Assunta, restaurata dopo il sisma del 2012. Commissionata da Alberto III Pio e realizzata a Parigi dall’intagliatore carpigiano Gaspare Cibelli, la scultura in legno, che le cronache raccontano essere giunta a Carpi dentro una cesta e portata in solenne processione per la prima volta nel 1516, è considerata la più interessante e significativa opera lignea del territorio emiliano. Il restauro della statua, deciso dalla diocesi dopo il terremoto del 2012, è stato eseguito dalla società Alchimia di Cavezzo e finanziato dai Club di servizio della città, Lions Club Carpi Host, Rotary Club Carpi e Lions Club Alberto Pio. La mostra in vescovado e gli appuntamenti culturali ed ecclesiali di questi mesi sono stati il prologo per quello che può considerarsi uno degli eventi più importanti per la diocesi in questo Anno pastorale, cioè il “ritorno” della statua dell’Assunta in cattedrale.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori