Rapporto Censis: il lavoro è sempre più povero, si allarga la forbice sociale

Nel 2017 il 12,4% degli occupati nella classe di età 20-29 anni era a rischio povertà. Si tratta di circa 330mila persone, 10mila in più rispetto all’anno precedente. L’incidenza del rischio risulta più accentuata tra gli occupati che svolgono il lavoro in forma autonoma o indipendente (18,1%) rispetto ai dipendenti (11,2%). Sono alcuni dei dati che emergono dal 52° Rapporto annuale del Censis, presentato oggi a Roma. Fra i 15 e i 24 anni un giovane su quattro è a rischio povertà, condizione che si riduce nella classe d’età 25-34 anni e soprattutto oltre i 65 anni (17,1%). Nella fascia d’età 25-34 anni i sottoccupati sono circa 163mila (il 4% degli occupati), pari al 23,5% dei tutti i sottoccupati. Nella stessa classe d’età gli occupati in part-time “involontario” (cioè non scelto ma imposto per ragioni di riduzione dei costi) sono circa 675mila, vale a dire 16 su 100 giovani occupati. Più in generale, tra il 2000 e il 2017 in Italia il salario medio annuo è aumentato in termini reali solo dell’1,4%, pari a 400 euro annui, contro i 5.000 euro della Germania (+13,6%) e gli oltre 6.000 della Francia (+20,4%). Nello stesso arco di tempo gli occupati nella fascia 25-34 anni sono diminuiti del 27,3% (oltre un milione in mezzo in meno), quelli tra i 55 e i 64 anni sono aumentati del 72,8. Nel giro di un decennio si è passati da 236 a 99 giovani occupati ogni 100 anziani.
Il Rapporto mette in evidenza anche “segnali di allargamento della forbice sociale nei bilanci delle famiglie”. Negli ultimi cinque anni, infatti, “la capacità di spesa delle famiglie italiane ha mostrato un progresso”. Ma mentre la quota che dichiara un incremento rispetto all’anno precedente ha raggiunto il 31,9% del totale, c’è un 15% che ha visto ridurre la propria capacità di spesa.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia