Ambiente: Coldiretti, “stop alle auto e più spazio al verde pubblico nelle città”

Meno auto, più verde pubblico. È quanto chiede la Coldiretti. In base ad un’analisi condotta sui dati Istat in occasione delle prime misure restrittive alla circolazione scattate in molte città del nord Italia, Coldiretti sottolinea che a favorire lo smog nelle città è l’effetto combinato dei cambiamenti climatici, del traffico e della ridotta disponibilità di spazi verdi, che concorrono a combattere le polveri sottili e gli inquinanti gassosi. Ma in Italia ogni abitante dispone in città di appena 31 metri quadrati di verde urbano, e la situazione peggiora per le metropoli del nord con valori che vanno dai 6,3 di Genova ai 17,9 di Milano, dai 22 di Torino fino ai 23,1 a Brescia e ai 29 metri quadrati a Bologna mentre superiori alla media nazionale sono con 33,3 metri quadrati e Padova con 40,9.
Di fronte all’evidente cambiamento del clima in atto – sostiene la Coldiretti – non si può continuare a rincorrere le emergenze, ma bisogna intervenire in modo strutturale favorendo nelle città la diffusione del verde pubblico e privato che concorre a combattere le polveri sottili e gli inquinanti gassosi. Una pianta adulta – spiega la Coldiretti – è capace di catturare dall’aria dai 100 ai 250 grammi di polveri sottili e un ettaro di piante elimina circa 20 chili di polveri e smog in un anno. Coldiretti ha stilato la prima top ten delle piante mangia smog: dall’acero riccio alla betulla verrucosa, dal ginkgo biloba al bagolaro, dal frassino comune all’ontano nero, dal tiglio selvatico all’olmo. In questo contesto Coldiretti saluta con favore l’introduzione del “bonus verde”, con detrazioni del 36% per la cura del verde privato, come terrazzi e giardini, anche condominiali.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia