Austria: mons. Landau (Caritas), “revisione legge sui contributi alle famiglie scritta da politici molto lontani dalla realtà”

Il presidente della Caritas austriaca, mons. Michael Landau ha criticato duramente il disegno di legge sulla revisione dei contributi alle famiglie: “La legge è stata scritta da politici che sono molto, molto lontani dalla realtà delle persone colpite”. Secondo Landau, intervistato dalla televisione nazionale Orf, i tagli per le famiglie numerose sono “altamente problematici” e ha richiesto urgentemente un “controllo della realtà” sulla proposta di legge per la nuova disposizione per la protezione del reddito minimo in Austria. Landau ribadisce che alla fine la legge “colpirà tutti”, e questo con un risparmio solo marginale per il bilancio. Riferendosi a una famiglia bisognosa con tre figli, Landau ha spiegato che al terzo figlio saranno garantiti solo 1,43 euro al giorno per pasti, vestiario e alloggio, e questo non ha “niente a che fare con la giustizia”, bensì è un “danno considerevole”. Ai parlamentari austriaci Landau ora chiede un dibattito coscienzioso: “Parliamone, in modo che la povertà infantile e degli anziani in Austria diminuisca e non aumenti”. I primi calcoli mostrano il dato preoccupante che le famiglie con tre figli avranno fino a 6.000 euro in meno all’anno. La situazione rischierebbe di divenire drammatica a Vienna dove vive la maggior parte dei nuclei familiari a salario minimo, ma, ha sottolineato il segretario generale della Caritas viennese, Klaus Schwertner, anche in altri stati austriaci “se si arrivasse all’attuazione di questo progetto si assisterebbe a un deterioramento”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo