Ortodossia: Hilarion (Mosca), “l’intera ortodossia sta vivendo tempi difficili”

“San Nicola è giunto a noi per sostenere il nostro popolo, per rafforzare la nostra fede. Perché nessuna tentazione che oggi ci viene proposta tramite qualche dialogo intellettuale o qualche decisione politica, così come tutto ciò che sta accadendo attorno alla nostra patria, possa distruggere il fondamento spirituale della vita del nostro popolo”. Sono le parole del metropolita Hilarion, durante la presentazione del volume scritto insieme alla diocesi di Bari-Bitonto “La traslazione della reliquia di San Nicola il Taumaturgo di Bari in Russia”. “Oggi – ha spiegato – la Chiesa ortodossa russa, nonché l’intera ortodossia, stanno vivendo dei tempi difficili a causa della tesa situazione politica ed ecclesiale in Ucraina. I vescovi e i preti della canonica Chiesa ortodossa ucraina vengono perseguitati per la loro fedeltà all’unità della Chiesa. Vengono interrogati e perquisiti dai servizi segreti. Con tutti i mezzi si cerca di costringerli a partecipare a radunamenti arbitrari che mirano a creare una nuova struttura ecclesiastica spaccata dalla Chiesa russa. Però l’episcopato, il clero e i fedeli stanno fermi a guardia dell’unità ecclesiastica non cedendo alla minaccia. Abbiamo tanto bisogno dell’aiuto del grande servo di Dio San Nicola, venerato come patrono dei viaggiatori che subiscono diverse privazioni nel loro cammino. In questo viaggio affrontiamo tante sfide e tentazioni, però noi crediamo e speriamo che San Nicola non abbandonerà le nostre Chiese e i nostri popoli e non ci lascerà senza il suo aiuto e la sua protezione. Lo stesso vale per il difficile cammino dell’unità dei cristiani. San Nicola riavvicina la Chiesa cattolica e ortodossa, cosa che si sente in modo particolare qui a Bari, città che ha il ruolo di ponte tra occidente ed oriente”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa