Lavoro: mons. Miglio (Cagliari) incontra i sindacalisti della Cisl. “Favorire l’occupazione dei giovani”

“Si agisca per favorire l’occupazione dei giovani sardi: sono i più vulnerati da un decennio di crisi che ha rallentato il loro ingresso nel mercato del lavoro, bloccandone la mobilità sociale e forzandone quella migratoria”. Lo ha detto l’arcivescovo di Cagliari, mons. Arrigo Miglio, ai dirigenti  regionali e territoriali della Cisl, in occasione dello scambio degli auguri natalizi, questa mattina, nella sede del sindacato, nel capoluogo sardo. “Il lavoro va assicurato a tutti come via di piena realizzazione personale e integrazione sociale”, ha affermato il presidente della Conferenza episcopale sarda,  in risposta al saluto del segretario generale, Gavino Carta, che ha presentato al presule il quadro della situazione economica regionale con problemi ed emergenze in atto. L’arcivescovo ha invitato soprattutto i sindacalisti cattolici a creare la cultura del cristianesimo sociale, incarnato nelle reali condizioni di vita delle persone. “Con il Natale – ha aggiunto mons. Miglio – Dio è entrato nella storia quotidiana di ogni uomo e donna: storia di lavoro, famiglia, tempo libero, scuola, impegno sociale, volontariato, malattia”. Infine, un riferimento alle prossime elezioni regionali per le quali il presule ha raccomandato la partecipazione attiva alla vita politica del nostro Paese e della Sardegna. “La classe politica – ha detto il vescovo  – ha sempre più bisogno, anche al di là delle candidature proposte dai partiti, di persone competenti e preparate, di provata esperienza amministrativa, di moralità indiscussa, di spirito di servizio e di distacco da interessi personali e di casta”. Altra raccomandazione: i cattolici, anche giovani, “siano disponibili a candidarsi a far parte della classe dirigente, con sapiente valutazione delle proprie capacità e delle possibilità oggettive di impegno”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa