This content is available in English

Diritti: Blinkeviciute (Parlamento europeo), “per i sanitari italiani la legge 194 è corretta ma non implementata”

“Una volta che una legge è approvata va applicata”. Lo ha detto la eurodeputata, Vilija Blinkeviciute, presidente della Commissione sui Diritti delle donne del Parlamento europeo, durante la conferenza organizzata questa mattina a Roma sulla visita che la delegazione della Commissione ha compiuto in Italia sul tema della applicazione della legge 194 sull’aborto e sulla tratta delle donne e lo sfruttamento della prostituzione. Dal 17 dicembre ad oggi, le eurodeputate hanno incontrato sanitari, ong e associazioni e visitato strutture di accoglienza a Roma e a Napoli. “Volevamo venire in Italia per raccogliere informazioni sulla legge 194 – ha aggiunto -. Per noi è stato importante vedere la situazione. L’incontro con i sanitari e le associazioni è stato proficuo, ci hanno detto che la legge è corretta ma non implementata. Non ci sono abbastanza ginecologi e anestesisti in alcuni ospedali perché molti sono obiettori di coscienza. Ci hanno riferito che in media il tasso di obiettori è del 70% in Italia, con punte dell’80-90%. Dovremo lavorare insieme per trovare delle soluzioni. È un problema italiano ma come parlamentari europei siamo responsabili nel garantire i diritti delle donne. Abbiamo scoperto che molto spesso le donne non ricevono abbastanza informazioni e ci sono casi di discriminazioni anche nei confronti di medici. Le donne in tutto il mondo sono molto attive per le pari opportunità in tutti gli ambiti della vita e della società. Una società – ha concluso – che garantisce pari diritti è più ricca”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa