Politica: Casellati, “l’Italia ha bisogno dell’Europa, l’Europa ha bisogno dell’Italia”. “Incoraggiante il dialogo tra governo e Bruxelles”

(Foto: Quirinale)

“L’Italia ha bisogno dell’Europa, l’Europa ha bisogno dell’Italia. E per bisogno, sia chiaro, non mi riferisco alle eventuali convenienze del momento, ma al peso istituzionale, politico, strategico e culturale, che è evidentemente molto di più dei soli aspetti economici o di bilancio”. Lo ha affermato questa mattina il presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, nel corso della cerimonia degli auguri alla Stampa parlamentare tenutasi a Palazzo Giustiniani. “Alla vigilia di elezioni europee che potrebbero mettere in discussione equilibri, che nelle ultime legislature venivano considerati scontati, abbiamo il diritto e il dovere di rivendicare il ruolo che la storia dell’integrazione europea ha assegnato al nostro Paese”, ha sottolineato la seconda carica dello Stato, secondo cui si tratta di “un ruolo certamente centrale”. Per la Casellati è “incoraggiante il dialogo in corso tra il nostro Governo e Bruxelles, per evitare una procedura di infrazione e, allo stesso tempo, il perdurare di impostazioni solo basate sull’austerity a tutti i costi, da applicare sempre e comunque”. “E se da troppi anni scontiamo una difficoltà nei conti dovuta essenzialmente ad un debito pubblico ben superiore ai parametri previsti, è pur vero che nonostante le recenti crisi finanziarie internazionali abbiamo da decenni ormai mantenuto un significativo avanzo primario. A dimostrazione – ha osservato – che il Paese, nella vita reale, non ha un livello di spesa superiore alle proprie possibilità”.
La presidente ha poi posto l’attenzione su tre aspetti “prioritari”: “La messa in sicurezza del Paese”, per il dissesto idrogeologico e la ricostruzione post terremoti; l’inverno “demografico” con “la curva della denatalità” che fa intravedere che “tra pochi anni, senza le opportune contromisure, l’Italia non sarà più come noi la conosciamo e come la vogliamo”; “una maggiore attenzione alle fragilità”, soprattutto quelle rappresentate dalle donne vittime di violenza, dai giovani colpiti dal bullismo, dai disabili penalizzati nella vita di tutti i giorni, dagli anziani rimasti soli.
“Un Paese attento a questi fenomeni è un Paese migliore”, ha evidenziato la presidente, invitando a “riappropriarci dell’italianità, quel sentimento profondo e antico che ci ha sempre caratterizzato, nell’innovazione tecnologica e nella moda, nella bellezza e nell’enogastronomia, nella cultura e nella ricerca scientifica”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori