Diritti umani: Roma, alla Dire “Più informati, più liberi”. Dialogo degli studenti con Rocca (Croce Rossa), Rozera (Unicef), Noury (Amnesty)

(DIRE-SIR) – L’Italia è un Paese progredito ma “perché la sera ho paura a uscire in gonna?” La Dichiarazione universale dei diritti umani, sì, ma “cosa vuol dire essere liberi?”. “Cosa posso fare per migliorare il mondo, quando sento che tanti leader mondiali non mi rappresentano?” Questi alcuni degli interrogativi proposti dagli studenti delle scuole superiori che stamani a Roma hanno partecipato all’incontro ‘Diritti umani. L’impegno per il mondo riparte dalle scuole’, organizzato dall’agenzia di stampa ‘Dire’.
A rispondere alle domande dei ragazzi e a sollecitarli con spunti e testimonianze sono stati Francesco Rocca, presidente della Croce Rossa italiana e della Federazione internazionale delle società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, Paolo Rozera, direttore generale di Unicef Italia, e Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia.
Essere liberi significa “non vivere nel bisogno, nel razzismo, nella misoginia” ha detto Noury, portavoce di Amnesty international Italia. Che alla platea di giovani ha suggerito: “Iscrivetevi a un’associazione. Studiate storia e filosofia, materie ‘neglette’ ma che contribuiscono alla formazione della persona. Poi, sui social contrastate i discorsi razzisti, omofobi, misogini, usando un lessico corretto”. La Dichiarazione universale dei diritti umani, di cui questo mese si celebra il 70esimo anniversario, “si basa sul principio secondo cui l’uomo nasce titolare di diritti, non li acquisisce grazie ai meriti. E sono indivisibili” ha aggiunto Noury. Perché “solo se si rafforzano i tuoi, aumentano anche i miei. Ma oggi purtroppo vige l’idea opposta. La sicurezza della maggioranza si ottiene riducendo i diritti alle minoranze, come dimostrano gli slogan ‘America first’ e ‘Prima gli italiani'”.
“Voi studenti non siete il futuro ma il presente” ha sottolineato Rozera. Convinto che i giovani debbano “rendersi conto del mondo: troppe le cose che non conoscete. I social sono utili, ma offrono un’informazione troppo liquida”. Un esempio riporta al tema dei migranti: “Ci dicono che gli sbarchi in Italia sono stati bloccati. Ma non è vero. Ce lo testimoniano medici e operatori da Lampedusa” ha sottolineato il direttore di Unicef. (www.dire.it)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori