This content is available in English

Danimarca: pellegrinaggio reliquie santa Teresa. Vescovo Kozon, “essere amore nel cuore della Chiesa, amando Dio senza limiti”

È iniziata l’ultima tappa del cammino delle reliquie di santa Teresa di Lisieux e dei suoi genitori nei Paesi scandinavi: fino all’11 novembre le urne saranno in Danimarca dove sono arrivate domenica 4 novembre. Aalborg, Aarhus, Svendborg, Hillerød, Vedbæk, Hellerup e Copenhagen le città visitate. In ogni tappa c’è un intenso programma di celebrazioni, veglie, momenti di riflessione e lunghi spazi di preghiera personale. “Dobbiamo vedere questo pellegrinaggio come un momento di grazia, una sfida e un’opportunità”, a fare “qui ed ora” qualcosa che non siamo ancora riusciti a fare, aveva scritto il vescovo danese Czeslaw Kozon in preparazione all’arrivo delle reliquie. Il pellegrinaggio è una “parte importante della nostra pratica cattolica”: non serve solo per “vedere qualcosa di nuovo, ma per dichiarare la nostra volontà di rottura e pentimento”. Se in questo caso sono le “reliquie a venire da noi”, il messaggio che Teresa porta è l’invito a “essere amore nel cuore della Chiesa, amando Dio senza limiti, e a essere strumenti di propagazione di questo amore”. Nella lettera il vescovo mette l’arrivo delle reliquie in relazione con le giornate di digiuno e preghiera per il Papa, la Chiesa e il suo rinnovamento che la Danimarca ha vissuto il 5-7 ottobre: “C’è bisogno di un amore che non ci faccia perdere il coraggio, ci renda desiderosi di amare e ci spinga a porre rimedio” agli errori; c’è bisogno di “un amore che rinnovi la nostra fede”. L’11 novembre le reliquie rientreranno in Francia.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo