Papa Francesco: in “La forza della vocazione”, “maggiore riconoscimento della dignità della donna nel mondo e anche nella Chiesa”

foto SIR/Marco Calvarese

“Credo veramente che dobbiamo camminare verso un sempre maggiore riconoscimento della dignità della donna nel mondo e anche nella Chiesa”. Lo dice Papa Francesco nel libro-conversazione “La forza della vocazione. La vita consacrata oggi” con Fernando Prado (ed. Dehoniane). Il Pontefice ribadisce che “progredire nell’uguaglianza è una cosa buona”. “Tuttavia – segnala – nemmeno le religiose che assumono stili maschili mi convincono del tutto. Non è necessario smettere di essere donne per diventare uguali”. Indicando il servizio come “la nostra caratteristica”, il Papa afferma che “purtroppo, nell’immaginario collettivo, le religiose sono state spesso considerate ingiustamente di secondo livello e, a volte, le si è utilizzate come servitù”. “Quando vedo, per esempio, che vi sono chierici con due o tre religiose al loro servizio, sebbene si paghi loro il dovuto, mentre ci sono tante altre donne che hanno bisogno di lavorare, non mi piace”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa