Papa Francesco: a “Sardegna Solidale”, “diffondere la cultura della solidarietà” insieme ai comuni e alle parrocchie

(Foto Vatican Media/SIR)

“Il servizio di volontariato solidale è una scelta che rende liberi e aperti alle necessità dell’altro; alle esigenze della giustizia, alla difesa della vita, alla salvaguardia del creato, con una attenzione tenera e speciale per i malati e soprattutto per gli anziani, che sono un tesoro di saggezza!”. Lo ha esclamato il Papa, ricevendo oggi in udienza, in Aula Paolo VI, i membri del Centro di Servizio per il Volontariato “Sardegna Solidale” in occasione dei 20 anni di attività, accompagnati dal card. Angelo Becciu e dagli arcivescovi di Cagliari, mons. Arrigo Miglio, e di Oristano, mons. Ignazio Sanna.
“Vi incoraggio a proseguire con passione la vostra missione, ricercando tutte le forme possibili e costruttive per risvegliare nell’opinione pubblica l’esigenza di impegnarsi per il bene comune, a sostegno dei deboli e dei poveri”, l’invito di Francesco, secondo il quale “oggi c’è molto bisogno di testimoni di bontà, di tenerezza e di amore gratuito. C’è bisogno di persone perseveranti, che affrontano le difficoltà con spirito di unità e ponendo sempre alla base di tutto lo scopo ultimo, cioè il servizio al prossimo. Così facendo, continuerete ad essere per l’intera Sardegna un punto di riferimento e un esempio”. “Voi rappresentate la moltitudine di volontari sardi, che si adoperano per un generoso quanto necessario servizio agli ultimi, in un territorio – quello della vostra bella Isola – ricco di tesori bellezze naturali, di storia e di arte, ma anche segnato da povertà e disagio”, ha detto il Papa, esprimendo il suo “apprezzamento per quanto avete operato e state operando a vantaggio delle fasce più deboli della popolazione sarda, con un’attenzione rivolta anche ad alcuni fra i Paesi più poveri del mondo. Non vi siete isolati ma, nonostante i grandi bisogni di casa vostra, avete tenuto aperto l’orizzonte della vostra solidarietà. In tale prospettiva, avete saputo accogliere e includere coloro che sono arrivati in Sardegna da altre terre in cerca di pace e di lavoro”.
“La vostra realtà associativa raccoglie numerose organizzazioni di volontariato, svolgendo un considerevole servizio di aggregazione e di cooperazione, volto a rendere più qualificato ed efficace l’impegno in favore di quanti versano in condizioni precarie”, ha proseguito Francesco, esortando i sardi “a proseguire con spirito di intesa e di unità”, in modo da “diffondere più capillarmente la cultura della solidarietà”. “Al fine di interpretare gli autentici bisogni della gente e trovare ad essi risposte adeguate, è necessario mantenere un atteggiamento di collaborazione con le realtà istituzionali del territorio”, la raccomandazione del Papa, che ha citato in particolare i comuni e le Parrocchie, “che sono quotidianamente accanto alle persone condividendo fatiche e speranze”.
“La cultura della solidarietà e della gratuità qualifica il volontariato e contribuisce concretamente alla costruzione di una società fraterna, al cui centro vi è la persona umana”, ha sottolineato Francesco: “L’amore di Dio che ci fa riconoscere sempre nell’altro il prossimo, il fratello o la sorella da amare. E questo richiede l’impegno personale e volontario, per il quale certamente le pubbliche istituzioni possono e devono creare condizioni generali favorevoli. Grazie a questa ‘linfa’ evangelica, l’aiuto mantiene la sua dimensione umana e non viene spersonalizzato. Proprio per questo voi volontari non svolgete un’opera di supplenza nella rete sociale, ma contribuite a dare un volto umano e cristiano alla nostra società”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa