Lavoro: Istat, a ottobre stabile la stima degli occupati. Aumento per i dipendenti permanenti. Tasso di occupazione al 58,7%

“Dopo il calo del mese scorso, la stima degli occupati a ottobre 2018 risulta sostanzialmente stabile. Il tasso di occupazione, pari al 58,7%, non fa registrare variazioni congiunturali”. Lo comunica oggi l’Istat, diffondendo i dati provvisori su “Occupati e disoccupati” a ottobre 2018.
“La stabilità congiunturale dell’occupazione a ottobre – spiega l’Istat – è associata a una crescita della disoccupazione, in aumento per il secondo mese consecutivo, dopo l’ampia diminuzione registrata a luglio e agosto”.
Stando ai dati diffusi, nell’ultimo mese la stabilità degli occupati deriva da un aumento dei dipendenti permanenti (+37mila) e da diminuzioni per quelli a termine (-13mila), che interrompono il trend positivo avviatosi nel mese di marzo, e per gli indipendenti (-16mila). “Con riferimento all’età – aggiunge l’Istituto nazionale di statistica –, calano gli occupati tra i 25 e i 49 anni mentre si registra una lieve crescita tra i 15-24enni e un aumento più consistente tra gli ultracinquantenni”.
Nel periodo agosto-ottobre 2018, l’occupazione risulta in calo rispetto al trimestre precedente (-0,2%, pari a -40mila unità). La diminuzione interessa uomini e donne. Diminuiscono gli occupati tra i 15 e i 49 anni mentre aumentano gli ultracinquantenni. Nel trimestre crescono i dipendenti a termine (+62 mila) e calano sia i permanenti (-64mila) sia gli indipendenti (-38mila).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa