Inflazione: Coldiretti, “trombe d’aria anche su carrello spesa, aumentano i prezzi dei beni alimentari”

“A spingere il carrello della spesa sono gli effetti devastanti del maltempo di novembre che ha decimato le coltivazioni e favorito il rincaro dei prezzi con ben 41 trombe d’aria, il 128% in più dello scorso anno”. Lo afferma la Coldiretti commentando l’aumento dell’inflazione a novembre sulla base dei dati Istat. “Alluvioni e bombe d’acqua, oltre al forte vento e alle temperature elevate in modo anomalo per il periodo, hanno danneggiato le coltivazioni in pieno campo ed in serra, riducendo – sottolinea Coldiretti – la disponibilità di prodotti orticoli, soprattutto nelle Regioni centro-meridionali del Paese”. “Il risultato si è visto sul tasso di aumento dei prezzi dei beni alimentari che – sottolinea la Coldiretti – per i prodotti non lavorati è passato da +0,8% del mese precedente a +1,1% mentre quello dei lavorati è salito da +1% a +1,3% di novembre”. “Il crollo della produzione provocato dal maltempo – spiega l’associazione – ha effetti sugli acquisti anche per il rischio di speculazioni nel passaggio dei prodotti dal campo alla tavola, a danno dei consumatori e dei produttori”. “L’andamento anomalo di quest’anno con fino ad oltre mezzo miliardo e mezzo di danni in agricoltura conferma purtroppo i cambiamenti climatici in atto che – sottolinea Coldiretti – con la più elevata frequenza di eventi estremi con sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi e intense e il rapido passaggio dal caldo al maltempo”. “Una anomalia che – conclude la nota – ha effetti anche sulla spesa dei cittadini che devono fare i conti con la variabilità delle quotazioni”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa