Europa: Truffelli (Azione Cattolica), “preoccupati per spinte che mirano alla dissoluzione, rilanciare progetto comune”

Alla vigilia ormai della campagna per le elezioni europee, che “forse per la prima volta sarà giocata effettivamente attorno al tema dell’Europa, tanto che rischia di trasformarsi in un referendum pro o contro l’Europa”, sette associazioni cattoliche hanno scelto di “ridire pubblicamente le ragioni del rafforzamento e del rilancio del progetto europeo, la sua importanza, la sua necessità per i cittadini europei e per il mondo, a partire dal Mediterraneo”. Lo ha annunciato Matteo Truffelli, presidente dell’Azione Cattolica, aprendo i lavori del convegno “La nostra Europa”, organizzato insieme ad Acli, Comunità di Sant’Egidio, Cisl, Confcooperative, Fuci e Istituto Sturzo. “L’intento è quello di offrire pubblicamente il segno di una preoccupazione, ma anche di una progettualità condivisa”, ha spiegato Truffelli sottolineando l’urgenza di contrastare “le spinte che mirano alla dissoluzione del progetto europeo”. “Parlare di Europa significa per noi oggi saper dire, in maniera precisa e concreta, chiara, comprensibile per tutti, l’importanza fondamentale che la permanenza e anzi il consolidamento e lo sviluppo delle istituzioni europee ricopre per tutti noi, per il nostro presente e per il nostro futuro”, ha spiegato Truffelli per il quale “occorre indicare senza reticenze gli indispensabili cambiamenti istituzionali di cui l’Europa ha bisogno per potersi rilanciare politicamente, riacquistando credibilità e significato agli occhi di cittadini oggi comprensibilmente scettici e disorientati”. È fondamentale, ha concluso, lavorare per far “fiorire una nuova stagione europeista”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa