Cancellazione progetto Integr-azione: Caritas Bari-Bitonto “amarezza e preoccupazione per la scelta del governo”

“La Caritas diocesana di Bari-Bitonto, mentre si prepara alla selezione dei giovani italiani che svolgeranno l’anno di servizio civile nei servizi caritativi della Chiesa barese, segue con preoccupazione e amarezza la scelta del Governo italiano di bloccare il servizio civile per richiedenti asilo e rifugiati”. È questo il commento della Caritas della diocesi di Bari-Bitonto in seguito alla notizia della cancellazione, da parte del Ministero dell’interno, del finanziamento sul fondo Fami destinato a sostenere l’accesso al servizio civile a giovani migranti in possesso dello status di rifugiato o di protezione umanitaria. Il progetto “Integr-azione”, novità introdotta nel bando di Servizio civile nazionale 2018, prevedeva infatti l’inserimento complessivo di 3mila persone accolte. Un modo per sostenere il cammino di integrazione dei rifugiati che avevano terminato il periodo di accoglienza negli Sprar. “Chiediamo fin d’ora ai giovani che incontreremo nelle selezioni – continua la nota della Caritas di Bari – di seguire con attenzione la vicenda e di esprimere nella modalità più opportuna solidarietà agli amici richiedenti asilo e rifugiati, per i quali in questo momento la possibilità di vivere questa esperienza è negata”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa