Televisione: “I Grandi Papi” sul Nove. Officina della Comunicazione, “raccontiamo la Storia con le storie”

“La collaborazione tra Vatican Media, Officina della Comunicazione e il gruppo Discovery si è rivelata sin da subito costruttiva e formativa. Abbiamo portato il nostro know-how, ma imparando anche una metodologia nuova, nata proprio dal confronto con Laura Carafoli e il suo team di Discovery”. Così Nicola Salvi, amministratore delegato di Officina della Comunicazione insieme alla sua socia Elisabetta Sola, nel corso della presentazione oggi della serie “I Grandi Papi”.
“È nato un racconto – ha aggiunto Salvi – con tempi, linguaggio e una costruzione adatti anzitutto al canale Nove, ma anche nella prospettiva internazionale. Un lavoro cui hanno contribuito molto i due registi della serialità, Marco Marcassoli e Luca Salmaso, che hanno compiuto un grande studio degli archivi, dei materiali storici”.
In merito alla scelta dei testimoni, ha affermato Elisabetta Sola: “Nella serie di 4 documentari abbiamo coinvolto oltre 40 testimoni, che hanno portato con loro elementi di contenuto intellettuale e di umanità. Non si tratta infatti di una narrazione neutra, ma carica di emozioni, di ricordi”. Presenti in sala due di loro, suor Vincenzina Useli, legata alla visita di Giovanni XXIII all’Ospedale Bambino Gesù, e il regista Speranza che all’epoca girò il famoso discorso alla Luna di Giovanni XXIII.
Elisabetta Sola ha poi concluso: “Non abbiamo realizzato un trattato di storia. Ma abbiamo raccontato la Storia con le storie di chi ha vissuto quei momenti, chi è stato e è accanto a questi pontefici. In tutto questo, non abbiamo avuto un format, uno schema rigido da seguire ogni volta. I 4 documentari sono infatti diversi tra loro, pur essendo un progetto di una serialità”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia