Papa Francesco: udienza, “il Decalogo è la radiografia di Cristo”, serve “trapianto di cuore” con “desideri nuovi”

foto SIR/Marco Calvarese

“Il Decalogo è la radiografia di Cristo, lo descrive come un negativo fotografico che lascia apparire il suo volto – come nella sacra Sindone”. Lo ha detto il Papa, nella catechesi dell’udienza di oggi, l’ultima dedicata ai Dieci Comandamenti. “E così lo Spirito Santo feconda il nostro cuore mettendo in esso i desideri che sono un dono suo, i desideri dello Spirito”, ha spiegato Francesco: “Desiderare secondo lo Spirito, desiderare al ritmo dello Spirito, desiderare con la musica dello Spirito”, il triplice invito a braccio. “Per vivere nella bellezza della fedeltà, della generosità e della autenticità, abbiamo bisogno di un cuore nuovo, inabitato dallo Spirito Santo”, la tesi del Papa: “Io mi domando: come avviene questo trapianto di cuore? Dal cuore vecchio al cuore nuovo?”. “Attraverso il dono di desideri nuovi”, la risposta, “che vengono seminati in noi dalla grazia di Dio, in modo particolare attraverso i Dieci Comandamenti portati a compimento da Gesù, come lui insegna nel discorso della montagna”. “Nella contemplazione della vita descritta dal Decalogo, ossia un’esistenza grata, libera, autentica, benedicente, adulta, custode e amante della vita, fedele, generosa e sincera, noi, quasi senza accorgercene, ci ritroviamo davanti a Cristo”, ha assicurato Francesco.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia