Denatalità: De Palo (Forum famiglie), “dati Istat sono bollettino di guerra. Nella Legge di bilancio mancano misure strutturali”

“Sta per andare via un’altra Legge di bilancio senza che vengano inserite modifiche strutturali in grado di invertire la rotta dell’inverno demografico che anche oggi è stato tristemente certificato da Istat. Le cifre snocciolate stamane sono da bollettino di guerra”. Così il presidente nazionale del Forum delle associazioni familiari, Gigi De Palo, a commento dei dati Istat del report “Natalità e fecondità della popolazione residente”, divulgati oggi, secondo i quali nel 2017 all’anagrafe sono stati iscritti 458.151 bambini, oltre 15mila in meno rispetto all’anno precedente.
“In dieci anni – osserva – abbiamo perso una città delle dimensioni di Bergamo o Siracusa e persino un quarto dei figli unici del Paese”. Per De Palo, “ci sono ancora i margini per invertire la rotta, ad esempio modificando e migliorando le modalità di calcolo del reddito di cittadinanza con l’introduzione del criterio dei carichi familiari, per calibrarlo in modo più equo. Ma ormai non c’è più tempo da perdere”. Secondo il presidente del Forum famiglie, “i figli non sono e non possono essere un peso o un privilegio, ma devono essere riconosciuti dallo Stato e dalla società come un investimento sul proprio futuro: chi sosterrà un Paese sempre più anziano?”. “Ecco perché da un anno proponiamo un Patto per la natalità che coinvolga tutte le forze del Paese, a partire dal ministero dell’Economia. È urgente un piano Marshall che faccia ripartire le nascite e dia risposte concrete ai giovani”, conclude De Palo.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia