Terra Santa: il card. Sandri in visita al patriarca greco-ortodosso Teophilos III e al Centro ecumenico Tantur

Si è concluso ieri il primo giorno in Terra Santa del card. Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali, in occasione del congresso internazionale dei Commissari di Terra Santa. Dopo la celebrazione eucaristica nell’Edicola del Santo Sepolcro, nel Convento di San Salvatore il porporato ha tenuto la relazione di apertura del congresso, dedicato al punto di vista della Congregazione delle Chiese Orientali sull’identità dei Commissari di Terra Santa, e soprattutto sull’esperienza del pellegrinaggio di Paolo VI in quei luoghi. A seguire, il prefetto ha incontrato Teophilos III, patriarca greco-ortodosso di Gerusalemme. “In un dialogo di più di mezz’ora, dopo il saluto di Papa Francesco trasmesso dal cardinale Sandri – si legge in una nota della Congregazione -, la riflessione si è incentrata sulla realtà dei cristiani a Gerusalemme e in Israele e Palestina, sulla collaborazione tra le Chiese, la gestione del grande numero di pellegrini, sul mantenimento dell’identità aperta e plurale per la Città Santa delle tre grandi religioni e sull’importanza rivestita dalla Santa Sede nel facilitare il dialogo e la difesa dei diritti di tutte le espressioni”. La delegazione vaticana si è poi spostata nella sede del Terra Sancta School, dove il cardinale ha incontrato i Consoli generali di Spagna, Italia, il rappresentante di Malta e dell’Unione Europea, tra i maggiori finanziatori dei lavori di sistemazione e adeguamento di aule, attrezzature scolastiche e spazi sportivi per gli alunni della scuola. Nel pomeriggio, la visita alla Comunità delle Clarisse di Gerusalemme. Infine, ultima tappa della giornata, la visita al Centro ecumenico di Tantur, fondato per volere di san Paolo VI dopo il suo viaggio in Terra Santa.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo