Colombia: Caritas europee e Usa in visita alla città di Tumaco. Nuovi progetti e allarme per aumento narcotraffico

Mentre, a due anni dalla firma ufficiale dell’accordo di pace con le Farc, giunge la notizia che l’Unione europea ha aumentato da 96,5 a 120 milioni di euro lo stanziamento per finanziare progetti di pace, e sviluppo, prosegue il lavoro per la pacificazione in Colombia delle Caritas d’Europa e Stati Uniti che, unitamente al segretariato di pastorale sociale Caritas della Colombia hanno dato vita al Grupo de trabajo por Colombia (Gtc). La scorsa settimana il gruppo ha visitato il dipartimento sudoccidentale del Nariño e, in particolare, la città di Tumaco. Qui la delegazione ha incontrato diversi attori sociali, istituzionali e sociali, organizzazioni internazionali presenti nel Paese, discutendo delle sfide per la costruzione della pace.
Venerdì scorso hanno presentato pubblicamente i risultati di questa visita in un incontro al quale ha partecipato anche il vescovo di Tumaco, mons. Orlando Olave Villanova. Nel comunicato diffuso per l’occasione, inviato oggi al Sir, si evidenziano alcuni progressi, per esempio per quanto riguarda lo sviluppo delle linee elettriche e delle infrastrutture nella zona, oltre che nel coordinamento dei diversi attori sociali del territorio. Si fa però presente “l’allarmante situazione delle uccisioni e delle minacce ai leader sociali e civili, rispetto alle quali è necessario che le autorità diano risposte integrali ed effettive”. Si chiede “l’applicazione integrale degli accordi di pace da parte dello Stato colombiano” e soprattutto la “sostituzione delle coltivazioni di coca, la restituzione delle terre, un approccio rispettoso delle diverse etnie, l’attenzione alle vittime in tema di verità, giustizia e riparazione”. La nota non nasconde “l’evidente assenza dello Stato colombiano nel garantire i diritti sociali di base”, la necessità di migliorare l’accesso all’educazione e all’istruzione, l’influenza crescente di gruppi illegali che nella regione mantengono il controllo del narcotraffico.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo