Avvento: card. Bassetti, “un’opportunità per un cammino di vita davvero orientato ai poveri”

(Foto Siciliani-Gennari/SIR)

“Entrando nel periodo dell’Avvento, il nostro proponimento sia di considerare queste settimane come un’opportunità per intraprendere un cammino di vita davvero orientato ai poveri, a tutti i poveri, a tutte le forme di povertà che ci circondano”. Lo scrive il presidente della Cei e arcivescovo di Perugia-Città della Pieve, il card. Gualtiero Bassetti, nella sua lettera pubblicata nel numero di dicembre di Vita pastorale, anticipato al Sir. Il primo passo di questo cammino indicato dal porporato è “un esame di coscienza”. “Come guardiamo ai poveri? Li vediamo o distogliamo lo sguardo avvolti nel nostro bozzolo di certezze preconfezionate, di ‘non mi riguarda’?”. Richiamando la parabola del buon samaritano, il cardinale invita a seguire il suo esempio: “Si lascia attraversare dal grido dell’umanità ferita”. “Oggi le logiche perverse dell’esclusione sociale mietono vittime che chiamiamo in molti modi: esuberi nell’ambito lavorativo, clandestini nel campo delle migrazioni, scarti nel settore economico”, afferma il presidente della Cei. Il porporato invita a un “passo ulteriore”, dopo essersi “chinati sul povero e aver prestato la prima assistenza”. Perché “non basta soccorrere sul momento e ritenere esaurito il proprio impegno”. E ammonisce: “Non è di protagonismo che i poveri hanno bisogno”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo