Migranti: Viminale, da inizio 2018 sbarcate sulle coste italiane 23.009 persone. Oltre l’80% in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno

Sono finora 23.009 le persone migranti sbarcate sulle coste italiane da inizio 2018, l’80,27% in meno rispetto alle 116.616 che erano arrivate in Italia via mare nello stesso periodo del 2017 e l’86,54% in meno rispetto alle 170.923 arrivate in Italia tra il 1° gennaio e il 26 novembre 2016. Il dato è stato diffuso dal ministero degli Interni, considerati gli sbarchi rilevati entro le 8 di questa mattina. Degli oltre 23mila migranti sbarcati in Italia nel 2018, 12.976 sono quelli provenienti dalla Libia (-87,63% rispetto allo stesso periodo del 2017 e -92,41% rispetto al 2016). I porti maggiormente interessati dagli arrivi nei primi mesi dell’anno sono Pozzallo (3.818), Lampedusa (3.313), Catania (2.961), Augusta (2.478), Messina (2.394), Trapani (1.661), Crotone (995), Palermo (809), Porto Empedocle (505), Reggio Calabria (379), Cagliari (176) e Brindisi (174). La nazionalità dei migranti – sulla base di quanto dichiarato al momento dello sbarco – sono Tunisia (5.001, 22%), Eritrea (3.351, 15%), Iraq (1.688, 7%), Sudan (1.619, 7%), Pakistan (1.512, 7%), Nigeria (1.250, 5%), Algeria (1.182, 5%), Costa d’Avorio (1.050, 5%), Mali (876, 4%) e Guinea (810, 3%) a cui si aggiungono 4.670 persone (20%) provenienti da altri Stati o per le quali è ancora in corso la procedura di identificazione.
Secondo i dati, sono in calo i minori stranieri non accompagnati, passati dai 25.846 dell’intero 2016 ai 15.779 del 2017 ai 3.418 sbarcati finora nel 2018.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia