Mediterraneo: Conte (premier), “l’Ue collabori a nuovo ordine regionale”

Il Mediterraneo “torni a svolgere la sua storica funzione di luogo di incontro, che si possa tramutare da arco di crisi ad arco di opportunità”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, intervenendo ai Med Dialogues di Roma. “L’Italia sente forte l’impegno per la sensibilizzazione dei nostri partner” nel Mediterraneo “per la stabilizzazione della Regione”. “Questa nostra azione si estende dai rapporti bilaterali ai fori internazionali – ha aggiunto il premier -. Nessuno è chiamato a scegliere tra l’essere in Europa e nel Mediterraneo, perché l’Europa è nel Mediterraneo”. Guardando all’Unione europea, Conte ha sottolineato come “l’Europa ha una particolare responsabilità perché a essere in gioco non è solo il futuro di una regione ma anche l’avvenire e la sicurezza del vecchio continente”. “Se vuole essere attore globale – ha concluso – l’Ue deve collaborare alla formazione di un nuovo ordine regionale” in cui ci sia una “responsabilità condivisa” tra gli Stati dell’area del Mediterraneo.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo