Economia: Bankitalia, “rischi per la stabilità finanziaria in aumento”

“I rischi per la stabilità finanziaria derivanti dall’evoluzione dell’economia mondiale sono in aumento. Il protrarsi dei contrasti commerciali a livello internazionale accresce l’incertezza e può avere conseguenze negative sulla crescita”. È quanto si legge nel Rapporto sulla stabilità finanziaria di Bankitalia. Nel Paese i maggiori rischi indicati “derivano dalla scarsa crescita e dall’alto debito pubblico”. “Le ripercussioni sull’economia delle tensioni sui titoli sovrani sono attenuate dal basso indebitamento privato e dalla lunga vita residua del debito pubblico, che rende graduale la trasmissione del rialzo dei rendimenti sul costo medio del debito”. Bankitalia ammonisce per gli “incrementi elevati e persistenti dei premi per il rischio sui titoli sovrani”, che “incidono sulla ricchezza delle famiglie, sulla disponibilità di credito al settore privato, sulle condizioni di liquidità e di patrimonializzazione di banche e assicurazioni”. Poi, rileva che “nel settore bancario proseguono il miglioramento della qualità del credito e il recupero della redditività”. “Le tensioni sul mercato dei titoli pubblici hanno tuttavia determinato un peggioramento degli indicatori di liquidità e di patrimonializzazione e un aumento dei rischi di mercato”. Infine, l’attenzione è per il recente aumento dello spread tra il Btp e il Bund. Il Rapporto spiega che “il rialzo dei tassi di interesse sul debito pubblico registrato da maggio rischia di vanificare l’impulso espansivo atteso dalla politica di bilancio”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa