Diocesi: Padova, nasce il Polo culturale intitolato a mons. Filippo Franceschi

Foto Giorgio Boato

Nasce il Polo culturale della diocesi di Padova. Lo inaugurerà il 29 novembre il vescovo Claudio Cipolla durante la prima di due iniziative promosse dalla Fondazione Lanza, che proprio quest’anno festeggia il trentennale. Il Polo è situato in un’ala ristrutturata dell’Istituto scolastico diocesano Barbarigo, accanto alla Facoltà teologica del Triveneto e al Seminario diocesano, dove hanno trovato unica sede, oltre alla Lanza, anche la Fondazione Zancan, la Fondazione Girolamo Bortignon per l’educazione e la scuola e la Fondazione Achille Grandi-Centro Toniolo. Tutti enti che fanno capo alla diocesi padovana e che ora, riuniti in un’unica struttura, potranno valorizzare le reciproche attività. Condividendo inoltre una nuova biblioteca dove sono disponibili circa 40mila volumi specialistici. Il nuovo Polo culturale è stato intitolato a mons. Filippo Franceschi, del quale cade quest’anno il trentennale della morte.

Foto Giorgio Boato

“Membro della Commissione Fede e cultura della Cei, incarico che tenne finché fu fatto vescovo nel 1979 della diocesi di Ferrara-Comacchio e poi di Padova, Franceschi promosse la nascita della Fondazione Lanza con il preciso scopo di essere uno strumento di aiuto e di sostegno al servizio della realtà sociale, nella ricerca comune, come recita lo statuto, ‘dei cardini etici e di una gerarchia di valori che possono essere riconosciuti come necessari referenti nella condotta privata e pubblica’. Questa inaugurazione è quindi anche l’occasione per riscoprirne la grande figura di pastore e uomo di cultura”, ha affermato don Roberto Ravazzolo, delegato diocesano per la Pastorale dell’università.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa