Notizie Sir del giorno: Papa Francesco, cristiani perseguitati, manovra, abusi, documento interreligioso su eutanasia e suicidio assistito, don Peppe Diana

Papa Francesco: a Festival Dottrina sociale della Chiesa, “eliminare ciò che priva gli uomini e le donne della libertà”

“Tutti insieme dobbiamo impegnarci per eliminare ciò che priva gli uomini e le donne del tesoro della libertà. E, nello stesso tempo, ritrovare il sapore di quella libertà che sa custodire la casa comune che Dio ci ha dato”. Lo dice il Papa in un videomessaggio in occasione del Festival della Dottrina sociale della Chiesa che si tiene a Verona dal 22 al 25 novembre sul tema “Il rischio della libertà”. Tre le situazioni individuate da Francesco che mettono a rischio la libertà: l’indigenza, il dominio della tecnologia, la riduzione dell’uomo a consumatore. (clicca qui)

Cristiani perseguitati: Acs, quasi 300 milioni in 21 Paesi, il gruppo di fede più sottoposto a violenze

Nel mondo quasi 300 milioni di cristiani – uno su sette – vivono in un Paese di persecuzione e continuano ad essere il gruppo religioso più sottoposto a violenze, detenzioni, violazioni di diritti umani. È quanto emerge dalla XIV edizione del Rapporto sulla libertà religiosa di Aiuto alla Chiesa che Soffre (Acs), presentato oggi a Roma, all’ambasciata d’Italia presso la Santa Sede, e contestualmente nelle 23 sedi di Acs in tutto il mondo. Nel periodo analizzato dal report – giugno 2016/giugno 2018 – si riscontra un aumento delle violazioni della libertà religiosa in molti Stati. In totale sono 38 i Paesi identificati come teatro di “gravi o estreme violazioni”. (clicca qui)

Manovra: Conte, in caso di procedura d’infrazione “chiederemo tempi di attuazione molto distesi”

“Nel caso in cui l’Ecofin dovesse decidere di aderire alla raccomandazione della Commissione Ue chiederemo tempi di attuazione molto distesi. Questo spazio temporale ci tornerà utile a consentire alla manovra economica di produrre i suoi effetti sulla crescita e grazie a questo di ridurre il debito pubblico”. Così il presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, a Montecitorio per l’informativa urgente sulle valutazioni della Commissione europea in relazione alla manovra di bilancio per il 2019. (clicca qui)

Francia: abusi su minori. Mons. Fort (vescovo emerito Orléans) condannato a 8 mesi per non avere denunciato i fatti

Mons. André Fort, 83 anni, vescovo di Orléans dal 2002 al 2010, è stato condannato oggi a otto mesi di carcere per non avere denunciato al Tribunale cittadino le aggressioni sessuali su minori di cui era a conoscenza, compiute dall’allora vicario generale, padre Pierre de Castelet, oggi 69 anni. Lo riferisce il quotidiano cattolico francese La Croix, ricordando che nel 1993 p. de Castelet abusò di una decina di ragazzi  durante un campo estivo del Movimento eucaristico giovanile di cui era direttore. (clicca qui)

Eutanasia e suicidio assistito: in preparazione un documento interreligioso della Commissione bilaterale delegazioni Gran Rabbinato d’Israele e Santa Sede

Un documento interreligioso in materia di fine vita, “con riferimento particolare al pericolo di legalizzare l’eutanasia e il suicidio medico assistito, anziché garantire le cure palliative e il rispetto completo della vita che è dono di Dio”. Lo rende noto la Commissione bilaterale delle Delegazioni del Gran Rabbinato d’Israele e della Commissione della Santa Sede per i rapporti religiosi con l’Ebraismo, al termine della riunione che si è tenuta a Roma dal 18 al 20 novembre. (clicca qui)

Rifiuti: Corte di giustizia Ue, causa di inadempimento verso l’Italia per non aver messo in sicurezza 44 discariche

(Bruxelles) La Corte di giustizia dell’Unione europea, che ha sede a Lussemburgo, apre una “causa di inadempimento” verso l’Italia, rea, secondo la Commissione Ue che ha intentato l’azione, di non essersi messa in regola con la normativa comunitaria nel campo della smaltimento rifiuti e della gestione delle discariche. L’azione della Commissione – in base all’articolo 14 della direttiva 1999/31/Ce – risale al maggio 2017 e riguarda in particolare 44 discariche: 23 in Basilicata, 11 in Abruzzo, 2 in Campania, 3 in Friuli Venezia Giulia, 5 in Puglia. L’Italia avrebbe dovuto bonificare tali siti entro il 16 luglio 2009 per evitare di mettere in pericolo la salute umana e l’ambiente. (clicca qui)

Don Peppe Diana: Aversa, una serie di eventi in preparazione dei 25 anni dall’uccisione

In vista del 25º anniversario dell’uccisione di don Peppe Diana (19 marzo 2019), il 24 novembre alle 10.30 nel salone della Curia vescovile di Aversa sarà illustrato il programma di iniziative. Nell’occasione mons. Angelo Spinillo, vescovo di Aversa, presenterà la lettera pastorale che ha scritto proprio per il 25º dell’uccisione di don Diana. “Il passare del tempo – spiegano gli organizzatori delle celebrazioni in un comunicato – non ha fatto dimenticare nessuna delle vittime innocenti dell’assurda e terribile violenza camorrista, anzi, sempre più è cresciuta la consapevolezza delle drammatiche conseguenze della prepotenza che, per gli interessi di pochi, ha sparso tanto sangue ed ancora è causa di enormi sofferenze per le nostre terre”. (clicca qui)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo