Enti locali: Occhiuto (Anci), “le città sono lo spazio dell’innovazione. Guardiamo ad un nuovo modo di progettarle”

“Con l’iniziativa di oggi vogliamo dare il via ad un percorso di valorizzazione delle esperienze positive delle città italiane ma anche guardare a nuovi modelli di progettazione per una rigenerazione urbana sostenibile”. Lo ha affermato il sindaco di Cosenza e delegato Anci a urbanistica e lavori pubblici, Mario Occhiuto, presidente della Fondazione Patrimonio Comune, nel corso dell’incontro “Un manifesto per la qualità urbana” promosso dalla stessa Fondazione, Fiabci e Un-Habitat, che si è svolto questa mattina a Roma.
“Abbiamo avviato – ha proseguito Occhiuto – una collaborazione con UN-Habitat che ha realizzato un indice di valutazione della qualità urbana. Un punto di partenza fondamentale per poter elaborare strategie urbane che superino l’idea di una città monofunzionale”.
Nel corso dell’incontro, il sindaco di Cosenza ha illustrato la proposta per un “Manifesto per la qualità urbana”, un documento aperto al contributo di tutte le città italiane, che, attraverso dieci punti, indica le linee per ripensare alla città del futuro. “Le città sono la casa dei diritti, dello spazio pubblico, della creatività e dell’innovazione. Dobbiamo superare vecchie norme che non permettono di realizzare il cambiamento nelle nostre città”, ha concluso Occhiuto.
Durante l’incontro hanno trovato spazio anche le buone pratiche di Urbact verso l’attuazione dell’Agenda urbana e le esperienze di Savona, Sassari, Arezzo, Cosenza, Milano e Riccione, esempi di una nuova idea di progettazione urbana che guarda al coinvolgimento e alla partecipazione dei cittadini.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo