Volontaria rapita in Kenya: un prete locale, “tanta tensione e paura, non si capiscono le intenzioni dei terroristi”

A Chakama, la località keniana a 80 chilometri da Malindi dove è stata rapita ieri Silvia Costanza Romano, volontaria italiana di 23 anni, “si vive tanta tensione e paura”: lo dice al Sir padre Alejandro Umul, della missione di LangoBaya, a 25 km da Chakama, che è riuscito a mettersi in contatto telefonico con parrocchiani locali. “I terroristi hanno assaltato un negozio e sequestrato una ragazza italiana – racconta –. Al momento non si sa nulla, ma a Chakama si vive tanta tensione e hanno molta paura, perché non sanno quali sono le intenzioni di queste persone. Temono che possano tornare e non si riesce a capire cosa vogliono questi terroristi”. Padre Umul e tutta la Chiesa locale stanno pregando per “la pace e perché si possa trovare la ragazza italiana sequestrata”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo