Sequestro Nave Aquarius: Pax Christi esprime solidarietà a Msf, “una guerra dichiarata contro chi salva vite umane”

“Salviamo l’umanità”. È l’appello di Pax Christi Italia, che esprime oggi solidarietà a Medici senza frontiere e “sconcerto per la guerra dichiarata contro chi da anni salva migliaia di esseri umani”. Pax Christi invita tutti “a vigilare su queste campagne diffamatorie”. “Dietro al sequestro della nave Aquarius non ravvisiamo solo l’ennesima vergogna per un ‘reato di umanità’ che colpisce appassionati e competenti operatori umanitari – osserva Pax Christi –, ma il segno di un deterioramento del senso stesso di umanità che ritenevamo comune a tutti e principio del nostro ordinamento costituzionale”. Secondo l’organizzazione cattolica “appare inquietante l’accusa di collusione criminale con il traffico di rifiuti, dopo che per mesi si è tentata senza esito quella infamante di collusione con i trafficanti di uomini”. Su questo primo versante Pax Christi unisce la sua voce alle tante che chiedono, “nel rispetto delle autorità giudiziarie, un pubblico riconoscimento dell’altissimo valore delle organizzazioni umanitarie che, a nostro nome, non vogliono abbandonare il Mediterraneo e voltare lo sguardo dalle persone che lì sono in pericolo di vita”. Pax Christi aggiunge anche un invito a tutti i cittadini, “affinché non assopiscano la loro coscienza quando alla radio, in tv e nei social sentono queste notizie diffamatorie, ma prendano il coraggio di parlarne con chi incontrano per strada”. “Oggi è sempre più a rischio l’umanità, la coscienza della comune appartenenza alla famiglia umana che appare, questa sì, finita – ribadiscono –. Parliamone con coraggio e ringraziamo le migliaia di persone impegnate a custodire questa umanità senza arrendersi alla gogna mediatica”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo