Papa Francesco: udienza, “tutti i comandamenti hanno il compito di indicare il confine della vita”

foto SIR/Marco Calvarese

“Tutti i comandamenti hanno il compito d’indicare il confine della vita, il limite oltre il quale l’uomo distrugge sé stesso e il prossimo, guastando il suo rapporto con Dio”. Lo ha spiegato il Papa, che nella catechesi di oggi si è soffermato sull’ultimo comandamento del Decalogo: “Non desiderare il coniuge altrui: non desiderare i beni altrui”. “Se tu vai oltre, tu distruggi te stesso, distruggi il rapporto con Dio, distruggi il rapporto con gli altri”, ha ammonito a braccio Francesco, secondo il quale “i comandamenti segnalano questo”. “Queste non sono solo le ultime parole del testo, ma molto di più”, ha ammonito Francesco: “Sono il compimento del viaggio attraverso il Decalogo, toccando il cuore di tutto quello che in esso ci è consegnato. Infatti, a ben vedere, non aggiungono un nuovo contenuto: le indicazioni ‘non desidererai la moglie, né alcuna cosa che appartenga al tuo prossimo’ sono perlomeno latenti nei comandi sull’adulterio e sul furto; qual è allora la funzione di queste parole? È un riassunto, è qualcosa di più?”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo