Martiri di Tibhirine: Lev, presentato oggi a Roma il libro “Semplicemente cristiani”

Chiunque può aspirare alla santità. È quanto emerge da “Semplicemente cristiani. La vita e il messaggio dei beati martiri di Tibhirine”, edito dalla Libreria Editrice Vaticana, presentato oggi a Roma presso la Sala Marconi di Palazzo Pio. Il volume, in vista della loro beatificazione, insieme agli altri 12 martiri d’Algeria, che si terrà l’8 dicembre, è stato scritto dal postulatore della causa di beatificazione, padre Thomas Georgeon, e dal giornalista François Vayne.
Prodotto di punta della collana “Ispirazioni”, il libro ruota attorno all’esperienza dei 7 monaci rapiti e poi trucidati nel 1996. Si tratta di fratel Christian de Chergé, fratel Luc Dochier, fratel Cristophe Lebreton, fratel Michel Fleury, fratel Bruno Lemarchand, fratel Célestin Ringeard, fratel Paul Favre-Miville. Il racconto narra di uomini normali che non hanno scelto di essere martiri o eroi, ma di essere “semplicemente cristiani”, con l’intento di invitare il lettore a scoprire la centralità della dimensione spirituale nella quotidianità.
In particolare, ciascun monaco, attraverso la sua vita e la testimonianza dei suoi scritti, è protagonista di uno dei 7 capitoli della parte centrale del libro. Ciascun capitolo è dedicato ad un diverso tema come la quotidianità, la preghiera, il lavoro, la crisi, le relazioni, l’imprevisto e il dialogo con l’Islam. Una scelta che favorisce la conoscenza di ogni personaggio al di là del solo evento del martirio.

Dopo un’introduzione sulla storia dell’Algeria e su quella della Chiesa nel Paese, il testo termina con un’intervista inedita a fratel Jean-Pierre Schumacher, unico dei monaci della comunità di Tibhirine ancora in vita, che ripercorre alcuni momenti di quella notte, quando un gruppo di uomini armati si presentò al monastero. “Hanno ‘dimenticato’ due monaci: Amédéè, che aveva la porta della stanza chiusa a chiave, e io stesso, che avevo osservato quelle sinistre manovre dalla finestra senza poter intervenire. Le linee telefoniche erano state interrotte. Ho pregato – aggiunge – affinché i miei fratelli fossero testimoni della benevolenza di Dio in mezzo a quei misteriosi rapitori; erano in missione di pace tra di loro, in ogni caso”.
Alla presentazione, moderata da Barbara Castelli di Vatican News, sono intervenuti il card. Giovanni Angelo Becciu, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi; fra Giulio Cesareo, responsabile editoriale della Lev; François Vayne, autore e direttore del Dipartimento Comunicazione dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme; padre Thomas Georgeon, autore e postulatore della causa di beatificazione (contributo video).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia