Infanzia e adolescenza: garante, tante le iniziative messe in campo in vista del 30° anniversario della Convenzione Onu

Con il 20 novembre 2018, giorno in cui ricorre l’anniversario della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, prende avvio l’anno dedicato al 30° anniversario della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, che cadrà nel 2019. Per celebrare la ricorrenza l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza ha programmato una prima serie di iniziative a partire da domani. Domani è previsto il protocollo d’intesa con Ministero della Giustizia e associazione “Bambinisenzasbarre onlus”, “Carta dei diritti dei figli di genitori detenuti”. Il 21 novembre sarà siglato il protocollo d’intesa con la Federazione italiana medici pediatri (Fimp) per la promozione di una rete pediatrica contro il maltrattamento e l’abuso nei confronti dell’infanzia”. Dal 26 novembre al 1° dicembre al via la nuova edizione del progetto che vede la Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza spiegata ai ragazzi delle scuole primarie. Il 3 dicembre a Roma si terrà il convegno finale del progetto “I Gruppi di parola per i figli di genitori separati, una risorsa per la cura dei legami familiari”. Dal 6 dicembre a Roma, al Museo delle Mura, la mostra fotografica realizzata dai ragazzi del progetto dedicato all’ascolto e valutazione partecipata dei minori stranieri Agia-Unhcr – Laboratorio fotografico. Sempre a Roma, stavolta al Tempio di Adriano, il 10 dicembre si svolgerà il convegno nazionale per l’anniversario della Convenzione Onu. “Ragazzi al centro. Verso una società a misura di chi cresce: Giovani e istituzioni a confronto”. Tra le altre iniziative messe in campo, la diffusione della Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori, la promozione di attività di formazione per categorie professionali. Inoltre, nel 2019 entrerà a regime il monitoraggio nazionale della tutela volontaria per i minori stranieri non accompagnati. Poi, saranno numerose le attività di approfondimento avviate dall’Autorità garante, destinate a tradursi in raccomandazioni. Tra i temi quello della partecipazione e inclusione sociale dei minorenni migranti di seconda generazione, quello del diritto al gioco e allo sport dei bambini con disabilità e quello sui modelli di intervento per contrastare le dipendenze da sostanze e alcol. Nel 2019, infine, sarà presentato un report frutto dell’attività di ascolto realizzata in diverse città italiane con i ragazzi in area penale esterna e gli operatori della giustizia minorile.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia