Dismissione chiese: Università Gregoriana, il 29 e 30 novembre il convegno internazionale “Dio non abita più qui?”

Si terrà il 29 e 30 novembre nell’aula magna della Pontificia Università Gregoriana il convegno “’Dio non abita più qui?’. Dismissione di luoghi di culto e gestione integrata dei beni culturali ecclesiastici'”- “’Doesn’t God dwell here anymore?’ Decommissioning places of worship and integrated management of ecclesiastical cultural heritage'”, promosso dal Pontificio Consiglio della cultura – Dipartimento per i Beni culturali; dall’Ufficio nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto della Cei e dalla Pontificia Università Gregoriana – Dipartimento dei beni culturali della Chiesa. I lavori saranno aperti da p. Nuno da Silva Gonçalves, rettore della Gregoriana; dal card. Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della cultura; da mons. Stefano Russo, vescovo di Fabriano-Matelica e segretario generale della Cei. Presenti anche il card. Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente del Consiglio delle Conferenze episcopali d’Europa (Ccee), e il ministro italiano per i beni e le attività culturali Alberto Bonisoli. Nelle due mattine di giovedì e venerdì si parlerà, rispettivamente, di dismissione e riuso di chiese, e di gestione integrata dei beni culturali ecclesiastici anche attraverso la presentazione di alcuni esempi virtuosi. Tra i relatori il sociologo Luca Diotallevi; la giurista Maud de Beauchesne-Cassenet; don Valerio Pennasso, direttore Ufficio nazionale Cei per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto; Albert Gerhards (Università di Bonn). Le due sessioni pomeridiane saranno invece riservate ai 35 delegati di 23 Conferenze episcopali (Europa, America settentrionale e Oceania) chiamati a discutere e approvare un documento bilingue contenente linee guida per la dismissione e il riuso ecclesiale di chiese. A seguito di una “Call for posters and papers” sono pervenuti diversi progetti di riuso, dei quali ne sono stati selezionati 12, che saranno esposti nell’atrio della Gregoriana accanto alle immagini del Contest fotografico internazionale #nolongerchurches

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia