Diocesi: Venezia, questa mattina l’incontro fra il patriarca Moraglia e il patriarca ecumenico Bartolomeo

Si è svolto questa mattina a Venezia l’incontro tra il patriarca Francesco Moraglia e il patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo che si trova, per alcuni giorni, nella città lagunare. “Avvertiamo, oggi, in un tempo segnato da diffusa secolarizzazione – ha detto fra l’altro Moraglia nel suo saluto – come in modo particolare le Chiese cristiane siano chiamate sempre più ad offrire al mondo una testimonianza credibile e credente, amorevole, della Verità e dei doni di grazia che hanno, non per loro merito, ricevuto”. La dimensione religiosa, ha proseguito, è “arricchimento vero per la vita di una società e stimolo continuo a ricercare le strade dell’unità, della pace e della riconciliazione, anche di fronte a ferite e conflitti”. Per il patriarca di Venezia, la città lagunare, “con la sua bellezza ma anche con la sua fragilità” suggerisce “l’importanza di una visione globale dell’uomo, nella sua relazione con Dio, con gli altri e con il creato”. Cura e custodia dell’ambiente vanno “sempre di pari passo con il rispetto della dignità e del valore di ogni persona e di ogni vita”. Il patriarca Bartolomeo – accompagnato in particolare dal metropolita per l’Italia e Malta Gennadios – ha manifestato la sua gioia per essere di nuovo a Venezia, ha espresso anche un ringraziamento per la cordiale e bella accoglienza ricevuta e ha donato una croce pettorale a Moraglia che,  a  sua volta, ha offerto all’ospite due preziose pubblicazioni che raccolgono ed illustrano i mosaici marciani.

 

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa