Terra Santa: oggi in uscita “La Bibbia nascosta. Le grandi scoperte dell’archeologia” di Estelle Villeneuve

Non c’è bisogno di immaginarsi di essere Indiana Jones alla ricerca dell’Arca perduta. La scienza sa essere anche più emozionante di un film, basta leggere “La Bibbia nascosta. Le grandi scoperte dell’archeologia”, dell’archeologa Estelle Villeneuve, pubblicata da Edizioni Terra Santa e in uscita oggi in tutte le librerie. Scrive l’autrice nell’introduzione: “L’avventura archeologica in Terra Santa è una delle più appassionanti che ci siano. Se l’avventura archeologica in Terra Santa non assomiglia a nessun’altra, è prima di tutto in ragione del suo impatto sulla conoscenza della Bibbia, questo immenso racconto che costituisce, si voglia o no, il fondamento spirituale del nostro mondo occidentale”.
Il libro racconta un secolo e mezzo di ricerche – dai rotoli di Qumran alla mummia di Ramses II, dal codice di Hammurabi alla torre di Babele – attraverso le scoperte più straordinarie: storie di avventure ricche di colpi di scena, in cui il lettore constata come i risultati dell’archeologia nelle terre bibliche abbiano sospinto in avanti, messo in discussione, sovvertito e rifondato le conoscenze “convenzionali” sulla storia antica, politica e religiosa, di quella regione. Se finalmente l’archeologia sbarca in Palestina, lo fa nel solco degli studi biblici, quando si impone l’idea di ricollocare la Bibbia nel suo quadro geografico naturale.
Accanto alle vicende archeologiche di Terra Santa, nel testo è possibile leggere anche la vicenda che ha condotto all’individuazione del sepolcro di san Pietro al di sotto della basilica romana: l’autrice ricostruisce il percorso storico di questa scoperta, pur sottoposta a critiche. Estelle Villeneuve nell’epilogo invita a una riflessione: “Fuori d’Israele, la tragedia che colpisce il Medio Oriente è un freno importante all’attività archeologica. Per questo è ancor più importante applaudire il coraggio delle autorità archeologiche locali che tentano, nonostante tutto, di compiere la loro missione. Nel nord della Siria, una giovane donna della Direzione generale delle Antichità ha sorpreso sul fatto dei saccheggiatori. La morte l’ha falciata l’indomani, ma grazie alla foto che è riuscita a scattare in extremis con il suo cellulare, ha salvato l’immagine di un grande mosaico di epoca bizantina ancora intatto, prima che sparisse sul mercato antiquario”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia