This content is available in English

Papa Francesco: a Fondazione Ratzinger, “rimuovere i muri di separazione che dividono la famiglia umana”

foto SIR/Marco Calvarese

“Contribuire con coraggio e profondità a illuminare una problematica essenziale per la tutela della dignità della persona umana e del suo sviluppo integrale”. È l’auspicio del Papa, per l Simposio internazionale su “Diritti fondamentali e conflitti tra diritti”, promosso dalla Fondazione vaticana Joseph Ratzinger-Benedetto XVI e in corso all’Università Lumsa. “Mentre si avvicina il 70° anniversario della Dichiarazione Universale dei diritti dell’Uomo da parte dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite – scrive Francesco in una lettera letta durante i lavori – è opportuno non solo celebrare la memoria di quello storico evento, ma anche impostare una riflessione approfondita sulla sua attuazione e sullo sviluppo della visione dei diritti umani nel mondo”, proprio a partire dalla citata Dichiarazione, che “mira a rimuovere i muri di separazione che dividono la famiglia umana e favoriscono lo sviluppo umano integrale”. “L’interpretazione di alcuni diritti è andata progressivamente modificandosi, così da includere una molteplicità di ‘nuovi diritti’, non di rado in contrapposizione tra di loro”, l’analisi del Papa, con “una serie di problemi che giungono a coinvolgere in profondità l’idea stessa di diritto e i suoi fondamenti”. Di qui la necessità di intervenire “autorevolmente” su queste tematiche, come ha fatto “con lucidità” Benedetto XVI, “come pensatore e pastore”, l’omaggio di Francesco, che ha ricordato la laura honoris causa in giurisprudenza ricevuta da Ratzinger. L’auspicio finale della lettera è che l’attuale Simposio, “attingendo ispirazione al pensiero e al magistero del nostro Papa emerito, possa contribuire con coraggio e profondità a illuminare una problematica essenziale per la tutela della dignitò della persona umana e del suo sviluppo”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia